Brusca virata meteo: irruzione fredda invernale dal fine settimana

Meteo anticiclonico: dovremo affrontare altri giorni di bel tempo e temperature miti. Paradossalmente l’indebolimento anticiclonico, che sta coincidendo con uno spostamento del fulcro in Spagna, faciliterà una riduzione di nebbie e banchi di nubi basse. Il calo termico, che avvertiremo, non sarà comunque sufficiente a ripristinare valori consoni alla metà di novembre.

Pesante anomalia termica: le prime due settimane di novembre sono state caratterizzate da un dominio anticiclonico totale. Dominio che ha coinvolto un po’ tutta Europa, dispensando temperature ancor più alte al di là dei nostri confini. A limitare il danno, che altrimenti sarebbe stato irreparabile, sono venute in soccorso le inversioni termiche: di notte ha fatto e continua a far freddo e le escursioni giornaliere sono spesso impressionanti. Specie in aree pianeggianti e vallive.

 

Da un estremo all’altro: chi segue i nostri approfondimenti ricorderà che in tempi non sospetti evidenziammo il rischio che l’attuale blocco potesse cedere sotto i colpi del freddo. Ipotesi che prendemmo in considerazione alla luce dell’accumulo d’aria fredda in Scandinavia e che al minimo tentennamento anticiclonico avrebbe potuto approfittare della situazione per raggiungere il Mediterraneo. E’ ciò che dovrebbe accadere da domenica 22 novembre.

Neve a bassa quota? Sulle Alpi sicuramente, ma stante alcune interessanti proiezioni delle mappe analizzate, la neve potrebbe giungere ad imbiancare anche i rilievi appenninici centro settentrionali a quote piuttosto interessanti. Magari non in collina – dove non escludiamo la comparsa di qualche fiocco qualora non dovessero cambiare le condizioni a contorno – ma attorno agli 800-1000 metri quasi certamente. Insomma, sarà inverno a tutti gli effetti.

 

di: Ivan Gaddari

da: www.meteogiornale.it

LINK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.